in

Tortoreto: il borgo e il mare dell’Abruzzo

Tortoreto

Forse è il caso di sedersi, a tavola o su una panchina sul lungomare adriatico, e ragionare seriamente su quella che è la ricchezza non tanto e non solo del nostro Paese, ma in modo particolare della regione Abruzzo. Probabilmente anche le altre regioni potrebbero vantare meraviglie paesaggistiche, turistiche, naturalistiche ed enogastronomiche, ma poche altre come l’Abruzzo hanno un tipo di bellezza sobria, delicata, dolce. Quel tipo di bellezza che ti rimane addosso e ti fa innamorare a tal punto da non desiderare altro.

Perché quando parliamo di bellezza siamo abituati a considerare la grandezza di una località, di una regione, di una nazione. Troppo spesso si ignora la ricchezza che viene da quelle località e quei paesaggi considerati minori, quasi fossero dei semplici corollari di qualcosa di più grande, e che invece non hanno niente da invidiare, perché in questi luoghi tutto è dove dovrebbe essere.

Un caso esemplare di questa bellezza tipicamente abruzzese è quella di Tortoreto, una località balneare della provincia di Teramo che rientra tra quelle “sette sorelle” della costa adriatica, insieme ad Alba Adriatica e Roseto degli Abruzzi che abbiamo già avuto modo di incontrare.

La parte alta e bassa della città

Tortoreto si articola in due parti abbastanza distinte, quella nota come Tortoreto Alto e quella di Tortoreto Lido, che rappresentano la storia e l’anima di questa località. Tortoreto Alto è la parte più antica, quella che ospita il borgo medievale più antico e i rioni di Terranova e Terravecchia. Tortoreto Lido, invece, è la zona più frequentata, quella più turistica, contrassegnata da una lunga spiaggia, attraversata dalla ferrovia e dalla Statale Adriatica. Le spiagge di Tortoreto Lido sono regolarmente premiate con il prestigioso titolo di Bandiera Blu, a garanzia di una qualità delle acque eccellente, di una sabbia dorata meravigliosamente fine e di una località attrezzata per ospitare i turisti.

Il mare adriatico

Una delle principali ragioni per cui Tortoreto è annualmente visitata e frequentata dai turisti e da coloro che vogliono concedersi una vacanza all’insegna della tranquillità è sicuramente quello della costa adriatica. Qui il mare regala colori mozzafiato tendenti al turchese, con delle spiagge che calpestandole, si ha la sensazione di essere accarezzati dalla sabbia.

Le vacanze a Tortoreto sono particolarmente apprezzate anche per via di un clima mite e sobrio che, anche d’estate, non raggiunge mai temperature afose. La brezza dell’Adriatico aiuta a stemperare gli eccessi stagionali e a donare un clima accogliente in ogni stagione dell’anno.

Informazioni utili e motivi d’interesse

Oltre alla bellezza naturalistica e paesaggistica, Tortoreto è da visitare per la famosa Sagra della Seppia (che si tiene a Tortoreto Lido) che a fine giugno riempie la cittadina di sapori, odori e fragranze straordinarie. Un’occasione importante per organizzare una visita. Ma l’evento che più rappresenta Tortoreto è quello del Palio del Barone che il 18 agosto di ogni anno mette in scena una serie di appuntamenti e manifestazioni dal sapore storico e tradizionale. Durante questa festa Tortoreto viene invasa da numerose cerimonie, sfilate, banchetti e giochi che rievocano il matrimonio tra due esponenti delle famiglie locali del XIII secolo.

Per maggiori informazioni sulla località di Tortoreto è possibile consultare il sito ufficiale. È possibile raggiungere Tortoreto sia con il proprio mezzo tramite l’A14 in direzione Pescara (per chi arriva da sud) o in direzione Ancona (per chi viene da nord) e poi proseguire verso Val Vibrata e seguire le indicazioni che conducono fino a Tortoreto. La città è raggiungibile anche tramite treno scendendo all’omonima fermata della linea ferroviaria.

 

Immagine in evidenza: thanks to www.vaghis.it

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

La Bella Addormentata e il Gigante d’Abruzzo

Costa adriatica

Costa adriatica: un viaggio verso l’infinito