in

Tarallucci alla chietina: i dolci della tradizione

I tarallucci alla chietina profumano di buono e di casa, di pochi e semplici ingredienti sempre presenti nelle dispense di tutte le cucine e che non mancavano mai in quelle dei nostri cari che ci hanno tramandato questa antica tradizione culinaria.

Olio vino, farina e zucchero. Beni preziosi a suo tempo, indispensabili ora.

A noi i tarallucci alla chietina ricordano la semplicità e la bontà di un dolce gesto che, ancora oggi, ci accompagna, come una profumata nota, in ogni momento di questa nostra frenetica vita.

Sono semplicissimi da fare ma spettacolari nel sapore, provateli anche voi!

tarallucci alla chietina ricetta

Ingredienti

  • 300 gr di farina 0 (o in alternativa 00);
  • 150 gr di zucchero di canna (o in alternativa di zucchero semolato);
  • 1/2 bicchiere di olio evo;
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco;
  • un pizzico di sale;
  • una manciata di mandorle tostate.

Procedimento

#1 Per preparare i tarallucci alla chietina come prima cosa setacciate la farina su di una spianatoia, fate un buco al centro e versatevi l’olio, lo zucchero, il pizzico di sale e, mano a mano, il vino bianco.

#2 Lavorate l’impasto fino ad ottenere un panetto compatto e, una volta pronto, lasciatelo riposare per un’oretta circa.

#3 Trascorso questo tempo, riprendetelo, tagliatelo a pezzetti e formate tanti cordoncini che poi unirete alle estremità.

#4 Chiudete ogni estremità con una mandorla e poi allineate i tarallucci su di una placca  coperta da carta forno.

#5 Spolverizzate ogni taralluccio con dello zucchero e infornate a 160 gradi (forno ventilato) per 15/20 minuti, fino a quando i tarallucci saranno dorati e il profumo del vino invaderà la vostra cucina.

Il consiglio in più: conservate i tarallucci in una scatola di latta, ideale per proteggerli dall’umidità e conservarne la freschezza.

Dosi per due teglie di tarallucci.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

L’area archeologica delle terme romane dell’antica Histonium

In Abruzzo la pizza diventa “scima”