in

Grotte di Stiffe, una bellezza nascosta

Grotte di Stiffe

La bellezza è invisibile agli occhi, potremmo dire riprendendo una delle celebri espressioni de Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry. E la possiamo applicare alle Grotte di Stiffe, uno di quei capolavori naturalistici che l’Abruzzo “nasconde”, ma che apre e si rivela a coloro che vogliono visitarla.

Ci troviamo in provincia de L’Aquila, nel comune di San Demetrio ne’ Vestini e nell’omonima frazione di Stiffe, a 696 metri di altitudine. Dal paese, caratterizzato da viottoli molto stretti e scoscesi, si arriva a una roccaforte, ormai diroccata, dalla quale accedere a questo complesso carsico. Tra le particolarità di questa grotta è che in realtà si tratta di una risorgenza del fiume, ovvero il punto in cui il fiume, dopo un lungo tratto sotterraneo, torna alla luce.

Le caratteristiche della grotta

Le acque che si trovano all’interno della Grotte di Stiffe provengono dall’altopiano di Rocca di Mezzo (situato a 1253 metri di altitudine) e all’interno della grotta il torrente scorre per un percorso di circa 600 metri. Il passaggio e l’attività del torrente forma dei depositi di tantissimi colori, creando uno spettacolo scenografico incredibile. Una delle tante ragioni per visitare questo luogo. Lo scenario è di quelli favolosi, accompagnato anche dal suono, a tratti forte a tratti dolce, dello scorrere delle acque.

Le Grotte di Stiffe sono parte di un fenomeno naturale oggi molto raro in Italia che, anche per questo motivo, richiama annualmente tantissimi visitatori. All’interno delle grotte, come vedremo, sono svolti numerose visite guidate ed eventi, compreso un Presepe vivente durante la solennità di Santo Stefano (il 26 dicembre).

La visita alle grotte

Per visitare le Grotte di Stiffe occorre percorrere un itinerario che ha una durata complessiva di circa un’ora. Si parla di grotte in quanto sono numerose le cavità presenti all’interno, molte delle quali non accessibili ai visitatori. Nelle grotte sono stati rinvenuti nel corso degli anni numerosi resti archeologici di straordinaria importanza. All’interno di questo complesso sono presenti diverse “sale”, ovvero degli ambienti di diversa dimensione e conformazione caratterizzati da diversi fenomeni. Si passa dalla cosiddetta Sala del Silenzio, dove il fiume scorre lievemente evitando il rumore tipico che è possibile ascoltare nelle altre aree, per poi procedere nella Sala della Cascata, dove è presente la prima cascata (alta trenta metri circa), per poi entrare nella Sala delle Concrezioni, dove si trovano le caratteristiche stalattiti e stalagmiti e una distesa d’acqua molto grande chiamata Lago Nero, una delle zone più antiche di questo luogo. L’atto finale della visita alle Grotte di Stiffe è costituito dall’Ultima Cascata dov’è presente una cascata alta più di 25 metri e che costituisce uno dei luoghi più scenografici dell’intero complesso.

Informazioni utili

È possibile accedere alle Grotte di Stiffe tutto l’anno, sia durante il periodo estivo che quello invernale. L’orario estivo, valido dal 1 aprile al 15 ottobre, prevede le visite guidate dalle 10:00 alle 18:00, mentre quello invernale, valido dal 16 ottobre al 31 marzo, dalle 10:00 alle 17:00. Il 25 dicembre le Grotte di Stiffe sono aperte tutto il giorno e il 1 gennaio solamente la mattina. Sono inoltre previste delle aperture straordinarie (anche notturne) in occasione dei numerosi eventi che annualmente qui vengono organizzati.

I biglietti d’ingresso per accedere alle Grotte di Stiffe si dividono in:

  • 10€ – Biglietto ordinario;
  • 8.5€ – Biglietto ridotto per over 65, bambini tra i 6 e i 14 anni, forze dell’ordine e studenti universitari;
  • 7.5€ – Biglietto ridotto per i gruppi;
  • Gratis per bambini sotto ai 6 anni, invalidi con accompagnatore e residenti nel comune di San Demtrio ne’ Vestini.

Per i gruppi con più di venti persone si consiglia di prenotare e per visitare le Grotte di Stiffe durante il periodo invernale si consiglia sempre di chiamare il numero 086286142 per avere conferma dell’apertura che potrebbe essere sospesa a causa delle condizioni meteo.

La visita alle grotte è sempre guidata e all’interno, dove è vietato scattare fotografie ed effettuare riprese, c’è una temperatura costante di 10° (in qualsiasi stagione dell’anno).

Come arrivare

Per raggiungere l’ingresso delle Grotte di Stiffe è possibile usufruire dei mezzi propri utilizzando la SS 17 (per chi viene dal L’Aquila), l’A24 (per chi viene da Roma, da Teramo o da Rieti), l’A25 (per chi viene da Pescara) o la SS Tiburtina (per chi viene da Sulmona). È possibile anche arrivare con i bus che collegano L’Aquila a Stiffe e Stiffe con L’Aquila, con due partenze giornaliere, una al mattino e una nel pomeriggio.

 

Immagine in evidenza: thanks to agcult.it

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Spiagge d'Abruzzo

Le migliori spiagge d’Abruzzo per le vacanze

Punta Penna

Punta Penna, la spiaggia selvaggia