in

La bellezza sommersa del Lago di Capodacqua

Lago di Capodacqua

Sembra esserci una dimensione e un tratto identitario nascosto e misterioso dell’Abruzzo, tanto che molta della sua bellezza risulta nascosta. Non solo il Borgo Abbandonato, ma anche il Lago di Capodacqua. Ci troviamo in provincia de L’Aquila, precisamente nella frazione di Capestrano, in una delle superfici d’acqua più suggestive dell’intera regione, da competere in meraviglia, fascino e mistero anche al più celebre Lago di Scanno.

Il mondo sommerso

Apparentemente il Lago di Capodacqua è un normale bacino, formatosi a seguito della costruzione (avvenuta nel 1965) della diga che chiuse il passaggio del fiume Tirino creando appunto questo lago. Una delle prime particolarità di questo luogo è quella di essere costantemente rifornito di acqua pulita e fresca, proveniente dalle tante sorgenti naturali che confluiscono all’interno di questo lago. L’acqua è qui cristallina, limpida e pura. L’acqua è qui così trasparente anche in virtù della temperatura, che non scende mai sotto i 10° (in tutte le stagioni dell’anno). Questa particolare condizione climatica impedisce la diffusione delle alghe, permettendo di godere di un’acqua sempre trasparente e ben visibile.

Questa visibilità è anticipazione di una bellezza che è principalmente sotto la superficie dell’acqua, tanto che il Lago di Capodacqua è noto anche con il nome di piccola Atlantide.

I mulini e il colorificio

Il Lago di Capodacqua è noto per la presenza di un colorificio e due mulini. La particolarità è data dal fatto che i due mulini sono posti sotto la superficie dell’acqua e, aspetto ancora più affascinante, sono ancora oggi conservati in condizioni perfette. Il Lago di Capodacqua sembra quasi aver fermato nel tempo quello che era l’ambiente locale: ovvero una superficie di oltre 400mq, costituita da viottoli molto antichi e una serie di ruderi, di muri e di porte, che facevano parte delle costruzioni presenti in questa zona.

Tutto come detto è conservato in maniera eccelsa e questo paesaggio suggestivo è meta annualmente di numerose visite da parte di sub che vogliono concedersi l’immersione in un luogo suggestivo e straordinario da ogni punto di vista. L’Associazione Atlantide scuola sommozzatori è l’unica realtà autorizzata a gestire le immersioni subacquee all’interno del Lago di Capodacqua. Sono vietate qualsiasi attività di balneazione e snorkeling per non incidere negativamente sulla fauna e la flora locale.

Le costruzioni del colorificio e dei mulini sono di epoca medievale e le immersioni in questo lago sono qualcosa di meraviglioso e suggestivo perché è come essere catapultati in un altro mondo, in un’altra dimensione, quasi fuori dal tempo. Sui fondali del Lago di Capodacqua sono ancora visibili numerosi tronchi d’albero, manufatti medievali e strade che esaltano la bellezza di questo luogo rendendolo reale e “quotidiano” nonostante la sua anomala collocazione.

Immergersi nella bellezza

Qui, più che altrove, l’espressione per la quale ci si immerge nella bellezza risulta profondamente attinente e credibile. È un luogo visitato ogni anno da numerosi turisti, anche internazionali, richiamati proprio dalla grandiosità di questo posto. Per chi ama la natura il Lago di Capodacqua è una meta imprescindibile, un capolavoro della bellezza, un’opera d’arte paesaggistica eccezionale, custodita nel cuore dell’Abruzzo, nella cornice superlativa del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

 

Immagine in evidenza: thanks to www.bioterra.it

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Punta Penna

Punta Penna, la spiaggia selvaggia

Pasqua in Abruzzo

Pasqua in Abruzzo: le tradizioni da non perdere